Al tribunale di Benevento: Giornata della legalità con Libera.

Ricordare chi è stato strappato alla vita, versando il suo sangue innocente. Libera, che ha invitato tutti “a fare la propria parte, ciascuno nel suo ruolo”.Il Procuratore Aldo Policastro ha espresso la sua “vicinanza” a Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, “infangato per l’ennesima volta” con le scritte apparse a Locri.Un territorio che va “preservato dall’aggressione ai diritti dei cittadini”. In che modo? Non avendo paura, pronti “a salire sui tetti, come ha scritto il mio amico don Peppe Diana, barbaramente ucciso dalla camorra, per gridare la verità. Perchè solo così potranno essere assicurati a tutti un futuro ed una vita dignitosi”.Il Procuratore aggiunto Giovanni Conzo ha ricordato un’inchiesta sul delitto di due ragazzi di Casal di Principe, ammazzati perchè “avevano chiesto il pizzo ad un caseificio contro il volere del clan dei casalesi”, per rimarcare che la “camorra porta solo al carcere o alla morte”. Anche nel Sannio la camorra è presente ma faremo di tutto per fermarla e ribadire il concetto della legalità sarà il nostro vangelo.

author