Arrivano i Nostri. Sì dal Rousseau al patto civico in Umbria.

Come si cambia intonava una nota canzone. Come sono lontani i tempi di Vaffa day, oppure mai con il Partito Democratico, li manderemo tutti a casa ecc.. si potrebbe continuare all’infinito. Si è vero faceva effetto quando ascoltavi “li manderemo per sempre a casa “trovatevi un lavoro, la vostra carriera politica è finita”. Talmente che gli italiani li hanno creduti, che in massa li hanno sostenuti e votati. Il Sud, poi, li ha votati in blocco a prescindere dai nomi, dalle competenze, dalle conoscenze.   E come dice Vittorio Sgarbi, una serie di incompetenti nel palazzo a partire dal capo politico Di Maio. Erano tanto convinti di mandarli a casa che alla prima occasione si sono seduti su “quella seggiola” e non si sono più mossi. Prima i tentativi di un Governo con il PD, poi una piroette degna della migliore Carla Fracci, poi l’innamoramento con Salvini, poi il Governo. Finalmente al POTERE. Ricordate gli slogan sulla trasparenza? I cittadini devono sapere, vogliamo il palazzo di vetro, trasparente. E i video in streaming richiesti a gran voce ed ottenuti con Bersani? Che fine hanno fatto? E’ già i cittadini non devono sapere, nulla. E così cade il Governo, altra piroette, questa volta alla Carolina Kostner, e via alla composizione del nuovo Governo con il PD. Ma non erano i cattivi?  E si vabbè, che vuoi che sia. Meglio il palazzo che “ a carriola”. Sempre con la votazione e condivisione di 4 amici al bar della piattaforma Rousseau. Una piattaforma che condiziona la politica e che detti i tempi. Ed è ciò che accade anche per le alleanze alle prossime elezioni in Umbria. La piattaforma, sempre questi del Rousseau, votano la “santa alleanza” aprendosi al mondo civico. Uno escamotage per non dire apertamente noi e il PD stiamo insieme, ci alleiamo, la “seggiola” è sempre la “seggiola”. E così, il 60,9% dei votanti sulla piattaforma Rousseau ha dato il via libera al “patto civico” per l’Umbria annunciato da Luigi Di Maio. I votanti sono stati 35.036: i sì sono stati 21.320, i no 13.716, pari al 39,1%. La votazione era aperta a tutti gli iscritti M5S sul territorio nazionale. “Molto bene il risultato su Rousseau. Ora chiudiamo sul nome del candidato presidente e liberiamo l’Umbria dalla sola politica. I partiti facciano un passo indietro e gli umbri facciano un passo in avanti”.  Ancora con sta favola dei partiti? Siete alleati in tutto con la sinistra, è ora di farla finita con i raggiri politici e frasi ad effetto per trovare qualche consenso che non arriverà mai. La tanto decantata frase siamo tutti uguali, uno vale uno, è tramontata da tempo ed è stata seppellita nell’estate 2019.  Arrivederci al prossimo VAFFADAY….. 

author