ALLACCIAMENTO VIARIO ALTO FORTORE STATALE 90 BIS – SI PARTE.

La settimana prossima la Provincia di Benevento sottoscriverà l’Accordo di Programma con il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture per il trasferimento dei fondi inerenti al primo lotto dell’ALLACCIAMENTO VIARIO ALTO FORTORE – SS 90BIS, tratto Foiano/bivio Montefalcone.
L’Opera, dal costo di 37.3mln di euro, era rimasta per decenni nei cassetti del Ministero di Porta Pia. Originariamente immaginata dalla Comunità Montana del Fortore, con la Presidenza di Raffaele Moffa, ed approvata successivamente dalla Presidenza di Bruno Casamassa, vede
finalmente la luce grazie alla cocciuta determinazione dell’ex sottosegretario alle infrastrutture, con delega al CIPE, Umberto Del Basso De Caro, che ne decreta il finanziamento il 18 febbraio 2018 nell’ambito del 2° Addendum del Piano Operativo del Fondo di Sviluppo di Coesione Infrastrutturale 2014 – 2020. Integrazione delibera n. 54/2016. Previsti 5 km di asse stradale, di cui una parte in galleria, nel territorio di Foiano e Montefalcone di Valfortore. Tre anni i tempi esecuzione dei lavori.
Entro la fine del mese sarà altresì sottoscritto l’accordo fra Provincia di Benevento, la Comunità Montana del Fortore e i Comuni di Foiano e di Montefalcone. Seguirà la pubblica presentazione del progetto esecutivo.
L’Opera, ed il connesso finanziamento esecutivo, fu oggetto di scherno da parte di taluni (vincenti) protagonisti della scorsa campagna elettorale allorquando si preferì ascriverla tra le (solite) promesse elettorali della «vecchia politica».
La storia, o la cronaca, «ci racconta come finì la corsa». Il collegio Irpinia-Sannio vide ben 9 parlamentari su 11 (un record!) eletti tra le fila dei 5 Stelle. Oggi siedono tutti tra i banchi della litigiosa maggioranza di governo. Non è dato sapere cosa abbiano prodotto per le nostre Aree
Interne (aree presso le quali non si sono mai visti) se non aver bloccato il cantiere della Lioni- Grottaminarda e ritardato l’avvio dei lavori della Fortorina – variante alla strada statale 212 «della Val Fortore» nel tratto di attraversamento dell’abitato del comune di San Marco dei Cavoti – appaltata in autunno per 70,6 mln di euro.
Come sempre, tocca al Tempo, noto galantuomo, l’onere di separare la propaganda cialtrona dalla seria azione di governo.

author