Palazzo Mosti: ancora dimissioni…

Ancora Fibrillazioni in casa della maggioranza mastelliana a Palazzo Mosti lo smottamento arriva ancora una volta dalla Commissione ambiente. Un ambiente che non decolla, oltre alle chiusure domenicali per le auto non riusciamo a trovare traccia alcuna di una concreta attività a favore della comunità. Un settore fortemente impegnato solo sulla vicenda cimiteriale, come, l’inceneritore o più recentemente, il nuovo particellare del cimitero in condivisione con l’urbanistica. Questa volta con un messaggino telefonico, oramai tutti si adeguano alle innovazioni tecnologico in uso, la Presidente da poco nominata Mila Lombardi, anch’essa di Forza Italia, ha comunicato a tutti i componenti della commissione il suo abbandono. La delusione mescolata alla rabbia rendono le dichiarazioni sussurrate dal palazzo ancor più amare dalla neo consigliera comunale. Un matrimonio politico tra il Sindaco pro tempore e Forza Italia che non riesce proprio a consolidarsi. Sono ancor echeggianti i casi di Sguera ( vizi) Russo Nanni, Scarinzi, Capuano, Puzio che hanno abbandonato il partito oppure sono stati convinti a restare. Non c’è mai pace nel palazzo. La consigliera rimarca l’immobilismo a cui è ancorata un’azione politica che non decolla, che non si rende attiva protagonista come dovrebbe essere per il ruolo che investe i suoi rappresentanti. Eppure, la neofita consigliera si stava impegnando, ci risulta che stava consultando comitati di quartieri, associazioni, parrocchie e comuni cittadini per ripristinare le giornate ecologiche. A proposito che fine hanno fatto? Dopo essere state annunciate in pompa magna? Operazione di facciata già naufragata in passato da questa amministrazione, che chiamava i cittadini a pulire le aiuole e marciapiedi nei rioni. Allora scese in campo oltre al Sindaco pro tempore anche la Sig.ra Sandra Lonardo in Mastella, assessori sempre disponibili con consiglieri comunali ai selfie, però. Ma di cittadini e quant’altro, solo piccole presenze che si contavano con una sola mano. Questo è lo scotto del noviziato illustre consigliera Lombardi e anche a Lei come ad altri, in un recente passato, è stata affidata tra le mani la classica fake news. Come si elevolverà la situazione? Forse con l’ennesimo intervento riparatore del 1° cittadino? La querelle di nuovi accrediti e dimissioni si fermerà nel Palazzo? Ed in tanto la città, lentamente scivola.

author