Palazzo Mosti, tra profondi silenzi, speranze e non so…tutti in attesa di dire il fatidico…

Palazzo Mosti sale la tensione e anche la confusione per la decisione di Mastella sul prosieguo del cammino amministrativo. Gentili nel commentare le nostre domande, ma bocche parzialmente cucite, tutti attendono con ansia la fatidica fumata bianca. Le frasi ricorrenti “ non so, non saprei, stiamo valutando vedremo ecc..” E così, come da noi interpellati il Consigliere Comunale Angelo Feleppa neo riferimento del gruppo Consiliare Cittadini Protagonisti, il Consigliere Renato Parente impegnato in riunione  e la Consigliera Chiusolo. Andiamo per gradi. Il Consigliere Comunale Angelo Feleppa, sulla espressa domanda di un eventuale sostegno alla maggioranza ci ha detto “ non so nulla. Nessuno ci ha telefonato. Valuteremo”. Ed ancora “ ho rimesso le deleghe, non per problemi politici, ma solo per il subentrare di impedimenti di natura lavorativa. Vivo del mio lavoro, non chiedo nulla”.  Ed ancora “ si sono costituiti gruppi consiliari, come i Moderati, i Pattisti e per noi, tutta questa attenzione sembra esagerata”. Sarà proprio questo Consigliere Feleppa, con la nascita di gruppi spuri si perde l’originalità delle liste e diventa tutto più caotico e meno razionale, una sorta di multietnia. Questa una nostra riflessione.  Interpellato il Consigliere Renato Parente non ci ha consentito di chiedergli nulla in quanto impegnato in riunione. A lui avremmo voluto chiedere al di là, della situazione politica di Palazzo Mosti, anche la questione emersa nelle ultime ore che riguarda la sua nomina a Capostaff del Presidente Di Maria alla Rocca dei Rettori. Altra tegola. Questa ancora più grave perché se confermata il Parente dovrebbe restituire anche le somme ricevutE come compenso. Questione che seguiremo successivamente. Abbiamo sentito la Consigliera Molly Chiusolo, capogruppo a Palazzo Mosti del gruppo Noi Sanniti.  In qualità di capogruppo ci saremmo aspettati risposte più esaustive. Questo la dice lunga sullo stato di incertezza che si respira nel palazzo e fuori. Alla domanda come sta evolvendo la situazione politica, ci ha risposto con un laconico “ al momento non ci sono novità. Se non quelle dell’altro ieri. Non saprei cosa dirle non so”. Ancora bocca cucita su una sua previsione “ non so che dirle è tutto in corso” quindi non una risposta ne personale ne come capogruppo. Bocca bloccata. Ed ancora c’è la possibilità di un accordo Mastella De Luca per le Regionali, il suo pensiero “ non so non saprei, vedremo interessa ora eventualmente proseguire con il Comune. Se ci sono novità vedremo”.  Fine della conversazione, inutile proseguire con altri, i motivi di certo non cambierebbero. Questo la dice lunga sulla condizione di libertà di espressione, dove o non ci sono le capacità di interlocuzione politica, in quanto neofiti oppure sono partiti i classici ordini di scuderia “ nessuno parli, nessuno fiati”. La stampa quella libera, quella che non frequenta la “ casa” scrive, interpreta, commenta LIBERAMENTE, poi i lettori e i cittadini ne trarranno le dovute conseguenze. Noi scriviamo i vostri nomi e anche per oggi c’è stata la visibilità ricercata.

author