Parlamento, Legge Elettorale, presentata proposta con alternanza di Genere.

Introdurre nella legge elettorale per l’elezione del Parlamento la «doppia preferenza», con alternanza di genere, uniformando il sistema a quello già vigente per le elezioni comunali, regionali e europee. È l’emendamento depositato presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera, dov’è in corso la discussione sulle modifiche alla legge per l’elezione del
Parlamento, dai deputati Umberto Del Basso De Caro (PD), Federico Conte (Leu) e Enza Bruno Bossio (PD).
«Con la doppia preferenza di genere comincia una grande battaglia di libertà, evitando il pericolo che, riducendo gli spazi per la rappresentanza, si smarrisca completamente il rapporto con i territori e gli elettori». «La scelta di una legge di impianto proporzionale – commenta l’on. Conte – nella prospettiva di una drastica riduzione del numero dei parlamentari e, di conseguenza, dei collegi elettorali, pone il problema della effettività della rappresentanza elettorale. Per scongiurare il rischio di una rottura definitiva del rapporto tra eletti ed elettori, cittadini e istituzioni, e ridare protagonismo alla società viva dei territori, bisogna garantire ai cittadini la possibilità di scegliere i propri rappresentanti così come avviene per il Comune, per la Regione e per l’Europa».
author