Terminate le elezioni, iniziano i fuochi d’artificio a Palazzo Mosti,

ad aprire il fuoco il Consigliere Puzio che attacca Feleppa accusandolo di una scarsa attenzione al verde pubblico. 

“L’anno scorso le scuse addotte per giustificare la sua inoperosità sono state le più svariate, chissà quante altre ne produrrà quest’anno. Basti pensare che sul Viale Atlantici, secondo quanto dichiarato, gli alberi non possono essere potati perché il periodo non è quello giusto, tant’è che sono stati tagliati solo alcuni rami, rendendoli tra l’altro visivamente disarmonici, a differenza di quanto accaduto in altre zone della città dove il lavoro è stato eseguito, nello stesso periodo, in modo completo. Non riesco a comprendere le motivazioni di queste differenze, non mi sono chiare, in più non vengono mai fornite risposte. Mi riferisco a quasi tutte le aree verdi della città, come ad esempio la zona dell’Ospedale Civile, che si presenta in stato di degrado. Anche in via Ruscelli, come via III Settembre, non è stata fatta la manutenzione al verde. Ci sono zone di serie A e di serie B? I servizi sono un diritto del cittadino ed un dovere dell’amministrazione. Ad oggi, quando entro ed esco da casa, sono continuamente rimproverato per le mancanze dell’Amministrazione, in fatto di gestione del verde pubblico. Siamo stati eletti per rappresentare i cittadini e dobbiamo dare risposte in tempi celeri con azioni concrete.

Sento la necessità, pertanto, di dissociarmi fermamente dall’operato di Feleppa, che persevera, con lo stesso modus operandi, nonostante i continui solleciti, lasciando che sia sempre inalterato lo stato in cui si presenta la città” – ha concluso Puzio. Noi vorremmo sapere perché Puzio pur evidenziando un problema non più procrastinabile a cui aggiungeremo una disinfestazione considerata la presenza di ogni insetti ed animali, risparmia nelle critiche l’assessore all’ambiente? E’ solo il degrado che infastidisce Puzio o c’è dell’altro? Meglio prendersela con un consigliere e lasciar perdere un assessore con portafoglio? Gli ricordiamo che il primo a cui dovrebbe chiedere spiegazioni è il Sindaco protempore Mastella, poi all’assessore all’ambiente a Feleppa che fu delegato per passaggio politico è quello che ha meno responsabilità di tutti in quanto privo di ogni risorsa economica di gestione. E’ il settore ambiente che dovrebbe intervenire Puzio. In passato con quelle deleghe operava Castiello e di certo la città si presentava senza sbavature a partire dal Rione Libertà con le aiuole in perfetto ordine su Via Napoli

author