Vittoria Principe: “Mastella ingeneroso con Renzi. Ne parli con rispetto. Lui all’età di Matteo andava ancora a scuola a Nusco”.

In alcune dichiarazioni rilasciate alla collega giornalista, Maria Teresa De Lucia di Ottopagine.it, nel richiedere le primarie per il centro destra, il Sindaco pro tempore Mario Clemente Mastella, di Ceppaloni, assumendo un comportamento dal basso profilo politico, si rivolge a Matteo Renzi affermando così come riporta il giornale, e chiosa: “Non accetto imposizioni, la mia storia è così lunga… e tutto può cambiare. Basta guardare Renzi: cinque anni fa era al 41% ora è ridotto a fare il ciclista e il podista a Firenze”. Matteo Renzi, Le ricordo è nato a Firenze,11 gennaio 1975 (età 44 anni); ha ricoperto tutti i ruoli Istituzionali possibili. Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze; nel giugno 2009 diventa sindaco di Firenze; nel 2014 Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, il più giovane dall’unità d’Italia; e giusto per non dimenticare Il 30 aprile 2017, quasi due milioni di persone vanno a votare per le primarie del Partito Democratico. Matteo vince con il 69% dei voti e viene riconfermato segretario nazionale del partito, e, non certo di una associazione ambientalista con qualche iscritto come l’UDEUR fondato da Lei, e nato sulla spinta emotiva provinciale e miseramente naufragato dopo qualche stagione. La storia di Matteo Renzi va trattata con garbo e rispetto Istituzionale essendo politico affermato e leader riconosciuto in tutto il mondo. Ha portato il centro sinistra con il partito democratico a livelli inimmaginabili, interloquisce con i più grandi rappresentati politici del mondo, conoscendo numerose lingue. Tv europee hanno trasmesso il confronto con la Le Pen in diretta e tutto in lingua francese. Pertanto, La invito Sindaco pro tempore, a seguire il mio esempio e tenere sulla scrivania l’ultimo libro di Matteo Renzi “Un’altra Strada” per leggerne una pagina al giorno e capire cosa è la politica quella con la P maiuscola, quella che va oltre il manuale Cencelli e i ribaltoni a Lei tanto cari, appunto “un’altra strada” quella di Renzi, quella della competenza, della conoscenza, del confronto, della operatività e della cultura quale base di crescita per il nostro Paese. Ricordi, Mastella, che Renzi si è dimesso per amore del suo Paese, Lei è stato causa di una caduta del Governo, quello Prodi. E giusto per chiudere, in stile renziano (un euro in sicurezza, un euro in cultura), Renzi ha pubblicato cinque libri editi da Rizzoli, Mondadori, Feltrinelli, Lei ha pubblicato un solo libro “Non sarò Clemente” memorie dell’ultimo democristiano. “E’ tutta nata storia”n avrebbe detto il buon Pino Daniele. Infine, piuttosto che tentare di banalizzare l’operato di Matteo Renzi, dia un senso al suo mandato di Sindaco di Benevento, dando quelle risposte che da tre anni i cittadini aspettano.

author